I giorni che scompaiono (a seguire, la tua felicità)

Bdt・Rdr

Mi capita spesso di andare dalla mia (nuova) fumetteria di fiducia e, oltre a ordinare il pane (perché se chiedi un sacchetto ti mettono l’albo in una busta di carta marrone di cui l’unica funzione pare essere coprire l’acquisto come i preservativi in farmacia), chiedo al commesso: “Consigliami qualcosa che ti è piaciuto un sacco”.
Se sei davvero finito nella fumetteria di fiducia allora non ti sbobinano solo roba per vendere, ma ascoltano la tua richiesta, ci pensano, e ti mettono in mano cose come I giorni che scompaiono, di Timothé Le Boucher.

Sì, questa è una recensione positiva.
E parto col dirti che se intenzionati a immergervi in una deliziosa poesia malinconica, allora non leggere il retro della copertina… ma nemmeno questa recensione.
Se ti piacciono i fumetti dal tono pacato, molto umani, che lasciano dentro quel senso di un qualcosa che vi ha arricchito…

View original post 564 altre parole


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...